Home / News dall'aula / Mozioni / Passa in Consiglio regionale il finanziamento della legge 23

Passa in Consiglio regionale il finanziamento della legge 23

Pari dignità sociale, tutela e difesa dei diritti per i più deboli

Passa in Consiglio regionale lo stanziamento, per i primi sei mesi,di 1,5milioni di euro per gli ausili tecnologicamente avanzati

Passa in Consiglio il finanziamento alla legge 23/99 e, nel bilancio regionale, vengono destinati 1,5milioni di euro, per i primi sei mesi. Dispositivi software e hardware adattati per gli studenti, per facilitare la normale attività, sono solo alcuni degli interventi possibili con il finanziamento alla legge regionale.

E, così, seppur, tra il 2008 ed il 2015, il Governo ha tagliato, a Regione Lombardia, 40 miliardi (il 2,4% del PIL), per i vincoli imposti dal patto di stabilità, con riduzione dei trasferimenti dallo Stato per circa 22 miliardi e soprattutto riduzione dei finanziamenti nel comparto sanitario regionale per 17,5 miliardi, il Consiglio ha acquisito la consapevolezza che i bisogni sono molti e, se lo Stato è lontano da tutto ciò, la Lombardia è vicina.

Una risposta negativa a una persona disabile non è un “NO” qualunque, ma la costruzione di una ulteriore barriera. – commenta il Consigliere Segretario Daniela Maroni – Ritengo che la nostra Regione non possa e debba dimenticare le persone con fragilità perché non sono cittadini di serie “B”. la necessità di riconoscere risorse per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati, è indispensabile per sostenere le famiglie e tutti coloro che si trovano in questa condizione”.

E, il Consigliere Maroni prosegue sottolineando che: “L’ausilio rappresenta lo strumento indispensabile per raggiungere l’autonomia nella vita quotidiana, fondamentale per guardare al futuro con occhi nuovi e positivi  e necessario per perseguire un progetto di vita indipendente. In ambito scolastico, inoltre, lo stesso consente di far acquisire a chi lo utilizza un modo per vincere le proprie sfide quotidiane, raggiungere traguardi di vita e guardare con rinnovato ottimismo al rapporto con la didattica così da consentire una progressiva autonomia di pensiero e di azione”. 

 

Share Button

Check Also

Como avrà finalmente la sua tangenziale? Daniela Maroni ci prova

Como potrebbe avere la sua tangenziale contrariamente a quanto previsto dal Ministro Del Rio Passa …