Home / Area stampa / Sbloccate 54mila tessere: lo sconto continua

Sbloccate 54mila tessere: lo sconto continua

Carta sconto carburante: Regione Lombardia ha sbloccato le 54mila tessere revocate a seguito dell’emissione delle Carte nazionali dei servizi.

“Regione Lombardia sta lavorando con il MEF – commenta Daniela Maroni – dobbiamo tornare alla normalità entro pochi giorni per riportare il servizio a funzionare correttamente. Una risposta che dobbiamo ai cittadini”

“Un’incompatibilità a livello hardware fra le nuove carte prodotte e distribuite dal fornitore del MEF e alcuni dispositivi POS. Questo il problema che ha mandato in tilt il sistema delle carte sconto carburanti. Un fatto non riconducibile né a Regione Lombardia né a Lombardia Informatica tanto che ho chiesto di trovare una soluzione, quella di non azzerare le CRS in scadenza e concedere una proroga sull’utilizzo delle stesse. – commenta così il Consigliere Segretario Daniela Maroni – Detto ciò, le tessere regionali continueranno a funzionare (anche se scadute) fino alla risoluzione del problema. La carta sconto benzina è un vero e proprio salvagente per i gestori che svolgono la propria attività nelle zone di confine e un diritto per i cittadini, non possiamo compromettere la nostra economia per un errore. In termini economici infatti ridare vita al pendolarismo del pieno, significa compromettere le entrate fiscali sia per Regione Lombardia che per lo Stato”.

A fronte di tutto ciò oggi, il Consigliere Segretario Daniela Maroni ha chiesto una seduta congiunta fra la I e la IV Commissione per affrontare l’annoso problema legato al caos carta sconto carburante. Un tavolo congiunto per capire il problema che è apparso immediatamente duplice: da una parte i micro cip delle nuove carte dei servizi che non sono compatibili per ottenere lo sconto carburante, dall’altra la disattivazione delle vecchie CRS in scadenza.

Oltre ai problemi tecnici legati alla lettura, oggi dall’incontro è emersa un’altra deflazione: l’invio anticipato dei dispositivi.

“Abbiamo riscontrato un altro problema in questi giorni per il quale abbiamo chiesto una soluzione immediata. – continua Daniela Maroni – La società incaricata all’invio delle carte ha effettuato la spedizione nei sei mesi precedenti alla scadenza. Un errore in quanto prima di poterne emettere altre dobbiamo risolvere il problema della lettura dei micro cip. A fronte di ciò abbiamo invitato la Società a limitare l’invio delle tessere rispettando i tre mesi della scadenza. In questo modo il danno verrebbe contenuto e il ritiro delle carte limitato. Tale richiesta è già stata inoltrata da Regione Lombardia al MEF”.

Nello specifico il sistema della carta sconto carburante è in funzione in Regione Lombardia dal 2001. Dall’aprile 2011 è passato dall’utilizzo di carte emesse ad hoc e legate alla targa del veicolo, all’utilizzo della Carta regionale dei servizi e, dal 2013, della Carta nazionale dei servizi. Il sistema è utilizzato da oltre 300mila cittadini, per un totale di 230 stazioni di servizio e permette di erogare 18milioni di euro di sconti all’anno. Dal 2011 con le CRS e le TS CNS della prima fornitura, sono state superate le 20milioni di transazioni con una media di 15mila giornaliere.

“L’invito che rivolgo ai cittadini – conclude Daniela Maroni – è quello di non gettare le CRS revocate e di recarsi sugli impianti e provare una o più volte la tessera in quanto Regione Lombardia le sta riabilitando”.

 

 

Share Button

Check Also

Daniela Maroni contro ogni forma di bullismo

Daniela Maroni contro ogni forma di bullismo nella scuola, ma anche nella società “Una condanna …