Home / Archivio / Il patrimonio forestale della Lombardia utilizzato per i corsi del Bassone
Bassone: Daniela Maroni

Il patrimonio forestale della Lombardia utilizzato per i corsi del Bassone

Bastoni e sculture in legno realizzate dai detenuti, orgoglio per il territorio lombardo. Ersaf, Associazione Maschera e il Consigliere Segretario Daniela Maroni insieme per sostenere i progetti di rieducazione dietro alle sbarre.

Terminata la prima fase dei progetti di riqualificazione della vita carceraria, Ersaf e Daniela Maroni torna dietro le sbarre e, con gli intagliatori dell’Associazione Maschera di Schignano, ha già organizzato un secondo ciclo di incontri con il laboratorio di intaglio artistico, un progetto voluto e sostenuto, sin dall’inizio, proprio dal Consigliere Segretario.

“Credo che il carcere debba avere una funzione riabilitativa – commenta il Consigliere Segretario Daniela Maroni –, insieme a Ersaf e ai mascherai di Schignano, abbiamo iniziato questi percorsi che non hanno tardato a dare ottimi risultati. In queste settimane i bastoni sono stati esposti e venduti in diversi appuntamenti sul territorio, così pure le altre creazioni realizzate nei laboratori di moda, grazie all’aiuto dei volontari che quotidianamente operano all’interno della casa circondariale. Un ringraziamento particolare ai volontari che vivono a contatto con i detenuti e che hanno accettato di buon grado questo progetto. Un ruolo determinante è stato quello di Ersaf che, con Elisabetta Parravicini e gli altri addetti, sono riusciti a realizzare un vero patrimonio artistico. Bastoni intagliati a mano, pezzi unici, realizzati con i cippi provenienti dai boschi della Lombardia”.

A partire da sabato 7 novembre 2015, dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 16, riprenderanno le lezioni all’interno dei laboratori del Bassone di Como. L’iniziativa si pone come obiettivo quello di affinare le conoscenze e le abilità degli artisti ammessi al programma.
La Maschera di Schignano curerà la docenza direttamente con i propri soci. Il corso si terrà nelle giornate di sabato e durerà 6 ore complessive a lezione e si terranno il 7, il 14, il 21 e il 28 novembre 2015, oltre al 12 dicembre 2015.

Nella prima giornata di lezione, sarà presente anche ERSAF che – fino ad oggi – ha avuto un ruolo centrale nel progetto fornendo, oltre alla professionalità dei propri tecnici, anche i cippi provenienti dalle foreste lombarde.

“L’entusiasmo e la determinazione del Consigliere segretario Daniela Maroni ci ha immediatamente contagiato. – conclude Elisabetta Parravicini, Presidente di Ersaf – Da lì la nostra idea di portare un pezzo di competenza e di creatività nel suo progetto all’interno del carcere. I nostri operai esperti incisori hanno portato non solo capacità, ma anche convinzione e passione. Spero solo sia l’inizio. Personalmente sto vedendo la realizzazione di un sogno”.

Share Button

Check Also

Bocciato l’emendamento di Nicola Molteni per il pedaggio tangenziale.

Scordiamoci di utilizzare la tangenziale gratuitamente: Como avrà la tangenziale, ma con il pedaggio. È …