Home / Archivio / Bocciato l’emendamento di Nicola Molteni per il pedaggio tangenziale.

Bocciato l’emendamento di Nicola Molteni per il pedaggio tangenziale.

Scordiamoci di utilizzare la tangenziale gratuitamente: Como avrà la tangenziale, ma con il pedaggio.

È notizia di oggi, lo ha deciso Roma. Ieri sera infatti la commissione Bilancio della Camera ha votato la bocciatura dell’emendamento presentato dalla Lega Nord, da Nicola Molteni con il quale è stato chiesto l’azzeramento dei 62 centesimi per la tratta dei 2,4 chilometri.

“Ora non si dica che è colpa di Regione Lombardia. – commenta il Consigliere Segretario Daniela Maroni – Il Governatore è stato chiaro sottolineando che noi avremmo fatto la nostra parte se, di contro, a Roma avessero fatto la loro. Una vera pugnalata, un affronto per quei pendolari che, per necessità, devono percorrere quel tratto di strada. In questi giorni si parla di salvaguardia dell’ambiente e di tutela dell’aria, se quell’arteria fosse stata gratuita, noi, nel nostro piccolo, avremmo potuto dare un aiuto al territorio. Con il costo del pedaggio la tratta è stata disincentivata riversando tutto il traffico sulle arterie provinciali e statali. Questo è “per il bene della Terra”.

L’emendamento, che vede come primo firmatario Nicola Molteni, chiedeva lo stanziamento di 500milioni di euro per coprire le spese nel triennio 2016/2018. Un contributo di 200 milioni di euro per il 2016 e di 150 milioni per i successivi due anni. Una richiesta che avrebbe permesso a Pedemontana di raggiungere un riequilibrio finanziario.

“L’eliminazione del pedaggio avrebbe portato in primis a un risparmio economico per i pendolari, oltre ad un risparmio di tempi da trascorrere in macchina con un inevitabile miglioramento della qualità della vita per chi risiede in quell’area. – continua Daniela Maroni – Così non è stato. Buone intenzioni, ma poco concrete. Poi ci si rifà su Regione Lombardia accusandola di avere tutte le colpe e di non volere prendere in considerazione la questione. Adesso vediamo di essere precisi nello spiegare le motivazioni del pedaggio: è tutta colpa del PD. Nicola Molteni infatti, in più occasioni, aveva sottolineato che il passaggio in Commissione sarebbe stato un primo passo per poi arrivare a trattare in Regione, per trovare un equilibrio economico ottimale per tutti. Così non è stato e, quindi, altro che Maroni è miope: Roma non vuole”.

Share Button

Check Also

Dogana Italia Svizzera

Dogane chiuse di notte Drezzo, Bizzarone e Ronago a rischio chiusura serale

Dogane chiuse di notte? È una follia. Tuona così il Consigliere Segretario Daniela Maroni di …