Home / Archivio / Formazione detenuti carcere Bassone di Como in collaborazione con Ersaf
Formazione detenuti carcere Bassone di Como

Formazione detenuti carcere Bassone di Como in collaborazione con Ersaf

La presidente di Ersaf Lombardia, Elisabetta Parravicini, ha illustrato oggi durante un’audizione in Commissione Speciale Situazione Carceri, presieduta da Fabio Fanetti (Lista Maroni), il progetto di formazione che dal 16 giugno interesserà alcuni detenuti del carcere Bassone di Como.
L’iniziativa prevede inizialmente un corso per la realizzazione di manufatti in legno e di intaglio con materiale proveniente dai boschi delle valli adiacenti. Una seconda fase, ha aggiunto Alessandro Rapella, responsabile degli uffici Ersaf di Lecco, riguarderà dopo l’estate progetti di tecniche di rimboschimento e manutenzione dei sentieri di montagna.

L’iniziativa presentata questa mattina in Commissione insieme al Presidente di Ersaf, Elisabetta Parravicni, Formazione detenuti carcere Bassone di Comorappresenta un progetto concreto di avvicinamento ad un programma di rieducazione della popolazione carceraria. In queste settimane è nata una grande sinergia, una vera e propria campagna di sostegno che siè pian piano concretizzata con i primi laboratori di intaglio che si svilupperà poi con altri percorsi. È innegabile, come dichiarano le statistiche che, se un detenuto viene assegnato ad un programma di formazione non incorrerà nella cosiddetta recidiva abbattendo al minimo ogni possibilità di ritornare in carcere. Dobbiamo ora puntare a promuovere tali iniziative anche nelle altre strutture carcerarie lombarde, Como è la sperimentazione, la Lombardia è un successo. Non posso che ringraziare Elisabetta Parravicini per avere creduto nell’iniziativa e tutti mi volontari che metteranno a disposizione il loro tempo per lavorare con la popolazione penitenziaria.

“ERSAF ha accolto con entusiasmo e con determinazione, ha sottolineato Elisabetta Parravicini, la proposta del consigliere Daniela Maroni di ideare e realizzare un progetto che da un lato valorizzi le sue competenze nella gestione dei servizi alla foresta, all’agricoltura, alla montagna lombarda, tra cui un ruolo importante ha la formazione, e dall’altro metta a frutto le articolate forme di collaborazione con i partner con cui quotidianamente lavoriamo sul territorio. Abbiamo trovato subito infatti la disponibilità dell’associazione La Maschera di Schignano che ha fornito alcuni dei docenti del corso di intaglio del legno che partirà il 16 giugno. Ringrazio pertanto per la sensibilità dimostrata tutto il personale del carcere di Como, a partire dalla direttrice dott.ssa Carla Santandrea, e tutti i volontari e sponsor che a vario titolo stanno impegnandosi in questo progetto.”

Share Button

Check Also

Dogana Italia Svizzera

Dogane chiuse di notte Drezzo, Bizzarone e Ronago a rischio chiusura serale

Dogane chiuse di notte? È una follia. Tuona così il Consigliere Segretario Daniela Maroni di …