Home / Archivio / La velocità uccide, senza dare scampo

La velocità uccide, senza dare scampo

La Giornata mondiale delle VITTIME DELLA STRADA, rafforza l’impegno affinché le istituzioni intervengano con maggiore attenzione e, soprattutto, con misure più severe perché, chi si mette alla guida della propria vettura, in preda ai fumi dell’alcool e/o di sostanze stupefacenti, deve essere condannato a pene severe.

Non si possono più fare sconti. Non possiamo più farci condizionare la vita da quei pochi dissennati che, ogni giorno, scorrazzano sulle nostre strade, come fossero in un circuito di formula uno.

Quello del 16 novembre, deve essere un momento, a mio avviso, di profonda riflessione per chi può e deve legiferare. Richiamo l’attenzione di tutti affinché non ci si dimentichi che, sulle strade italiane, si consuma una strage continua.
Ricordo che, secondo le stime dell’ISTAT, nel 2013, si sono verificati in Italia 182.700 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti, entro il trentesimo giorno, è pari a 3.400, mentre i feriti ammontano a 259.500.

Non dobbiamo abbassare la guardia, e, mi piacerebbe far passare il messaggio per cui dobbiamo tutti, nessuno escluso, rispettare le regole, il rispetto salva delle vite, il rispetto dà il diritto alla vita perché la vita è nostra e nessuno si può arrogare la presunzione di rubarcela.

Share Button

Check Also

Dogana Italia Svizzera

Dogane chiuse di notte Drezzo, Bizzarone e Ronago a rischio chiusura serale

Dogane chiuse di notte? È una follia. Tuona così il Consigliere Segretario Daniela Maroni di …