Home / Archivio / Il Consiglio definisce il piano triennale per le preziose aree del commercio ambulante

Il Consiglio definisce il piano triennale per le preziose aree del commercio ambulante

Il Consiglio regionale ha approvato la Proposta di Atto Amministrativo che, intervenendo sulla legge n.6/2010, definisce gli obiettivi di presenza e di sviluppo delle aree mercatali e del commercio in forma itinerante per il triennio 2013-2015.

In aula ho sottolineato l’importanza del documento, stilato dalla IV Commissione Attività Produttive di cui sono  membro, che si è impegnata nel ridisegnare in maniera attenta e moderna l’intero comparto del commercio di sede fissa e itinerante. Una rete, quella mercatale, che in Lombardia si presenta fiorente: 60.581 posteggi occupati, 20.000 operatori, 175.000 imprese e 450.000 tra addetti diretti e indotto. Il tutto produce un giro d’affari stimato di 26 miliardi, il 16% dell’intero settore commercio, per un flusso di 24 milioni di consumatori.

Rispetto ad altri comparti del dettaglio i cui punti vendita sono crollati il commercio ambulante e su aree pubbliche ha in questi anni mostrato una certa tenuta, con prospettive complessivamente di crescita.  Oltre a ciò, i mercati adempiono un’importante funzione di supplenza e d’alternativa rispetto agli altri canali distributivi, soprattutto in quei contesti come le aree di montagna o di scarsa attrattività economica dove la distribuzione moderna non arriva. E come non fare cenno  alla convenienza dei prezzi praticati, i lombardi vanno spesso al mercato perché sanno di poter comprare e a minor prezzo, un elemento determinante in questa situazione di crisi.

Alla luce di queste considerazioni,  Regione Lombardia attraverso la Proposta di Atto Amministrativo, ha deciso di ampliare le aree a disposizione, con 960 nuovi posteggi che guardano dritto alle opportunità che potrà offrire Expo 2015. Il provvedimento  punta a valorizzare i prodotti tipici lombardi, riservando appositamente una quota di posteggi pari al 30%. L’obiettivo è chiaro, promuovere nei confronti dei circa 20 milioni di turisti attesi per l’Esposizione Universale tutte le meraviglie dell’artigianato lombardo e le specialità agroalimentari della nostra terra.

Share Button

Check Also

Dogana Italia Svizzera

Dogane chiuse di notte Drezzo, Bizzarone e Ronago a rischio chiusura serale

Dogane chiuse di notte? È una follia. Tuona così il Consigliere Segretario Daniela Maroni di …